Blog

LCS intervista i blogger: La tana dei libri sconosciuti

Oggi ho il piacere di presentarvi il blog La tana dei libri sconosciuti! Ringrazio Hanna Connor per aver risposto alle mie domande!

Io: Da dove nasce il nome del blog?

Hanna: Grazie Lucia di ospitarmi in questo meraviglioso gruppo! Sono felice di poter rispondere alle domande! Allora, il nome del blog nasce da un’immensa voglia di far conoscere quegli autori che hanno da poco pubblicato o quelle case editrici o associazioni culturali che si occupano a loro volta di pubblicazioni e hanno necessità di una vetrina da cui presentare i loro progetti/lavori.

Quindi l’aggettivo ‘sconosciuti’ che uso non è assolutamente denigratorio, quanto un incentivo a far entrare autori che non sono conosciuti dal pubblico che mi segue, ma che poi dopo i miei articoli saranno conosciuti e apprezzati. Vedi, uno dei miei obbiettivi è dare spazio a quei sogni rinchiusi nel cassetto di ogni artista – scrittore e non – e presentare la loro opera a quel lettore che potrebbe essere salvato dalla sua storia!

 

Continua a leggere LCS intervista i blogger: La tana dei libri sconosciuti

LCS intervista i blogger: ZeBuk

Le vacanze estive sono terminate e tornano anche le interviste di LCS ai blogger con cui collabora.

Oggi ho il piacere di presentarvi il blog ZeBuk! Ringrazio Nicoletta Celotti per aver risposto alle mie domande!

Io: Da dove nasce il nome del blog?

Nicoletta: Il nome nasce dal fatto che volevamo distinguerci ma non sapevamo bene come.
Ai tempi eravamo sotto l’ala protettrice di Barbara (mammafelice.it) che abitava a Bologna e ci ha proposto di chiamarci “The Book” all’italiana. Quindi è nato ZeBuk, che, come amiamo dire noi, si scrive appunto ZeBuk ma si legge The Book (e pensatelo detta da una romagnola come me 🙂 )

 

Continua a leggere LCS intervista i blogger: ZeBuk

Prime Reading: un anno dopo, in Germania

Dal 2017 al 2018 Prime Reading ha offerto ai lettori tedeschi circa 500 titoli a rotazione trimestrale, in  modalità gratuita per gli abbonati di Amazon Prime.

Matthias Matting di “Die Selfpublisher-Bibel”, un portale conosciuto in Germania dagli autori per via dei tantissimi articoli utili riguardanti l’autopubblicazione, tira le somme dopo oltre un anno di Prime Reading nel mercato tedesco.

Anche Matting, come avevo fatto tempo fa io nel video in cui spiegavo cos’è Prime Reading e cosa comporta, ha cercato di rispondere alle principali domande degli autori. Di seguito, le parti più interessanti del suo articolo.

Chi può leggere i libri presenti su Prime Reading?

La risposta è molto semplice: tutti gli abbonati al servizio Prime di Amazon. Nessuna novità, quindi, da questo punto di vista. Matting, però, prova a fare un calcolo. Riporta che al momento si contano 17 milioni di abbonati. E sostiene che se anche solo un decimo degli iscritti leggesse gli ebook di Prime Reading, ci sarebbero 1,7 milioni di nuovi lettori.

Non sono sicura di poter dire che questo calcolo abbia davvero un senso, perché io stessa sono abbonata a Prime ma leggo ebook da una vita. Sicuramente darò un’occasione anche ad autori che prima, con tutta probabilità, non avrei mai acquistato.  E questo è già un passo avanti per gli autori: raggiungere quei lettori che non li avevano notati e convincerli che il proprio libro vale la pena di essere letto.

Come faccio a inserire il mio libro nel programma di Prime Reading?

La risposta è ancora la stessa di qualche mese fa: l’autore non può farlo. È sempre Amazon a chiedere, l’autore può solo accettare o meno. Quello che è certo è che il suo libro deve essere presente su KDP Select.

Quanto paga Amazon per ogni titolo?

Nota dolente per gli autori italiani, che purtroppo sono costretti (da me XD) a scoprire che in Germania i loro colleghi guadagnano di più. La risposta che dà Matting, in effetti, è che il compenso ricevuto varia in base ai livelli di successo attuale di un libro, e va dai 200 € ai 3000 €. In alcuni casi, aggiunge, anche molto di più. In Italia si prende ancora molto ma molto di meno (si parlava di 100 € per 180 giorni), ciò non toglie che in futuro le cose non possano cambiare. Siamo speranzosi, giusto?

Quali vantaggi ha per l’autore Prime Reading?

Matting conferma ciò che avevamo già notato agli esordi di Prime Reading in Italia: ogni download conta come un acquisto e quindi il libro riceve più visibilità nelle classifiche delle proprie categorie.

Cosa comporta Prime Reading per la pubblicazione e la strategia di marketing di un libro?

Se fino a prima dell’avvento di Prime Reading, Matting affermava che in linea di massima fosse indifferente quando un autore pubblicava il proprio libro, ora sconsiglia di farlo nei periodi di rotazione, alla scadenza dei 90 giorni di un ciclo di libri e di riprogrammazione dei nuovi titoli in offerta. Ma… c’è un grosso MA. Anche la scadenza dei 90 giorni varia da trimestre a trimestre. Il momento ideale per pubblicare un nuovo libro, secondo Matting, sarebbe quello in cui uno dei propri libri già pubblicati arriva su Prime Reading, meglio ancora se si tratta di una saga di più volumi.

Dove posso controllare il numero di pagine lette del mio libro in Prime Reading?

Torniamo alle risposte semplici (ma forse poco gradite): da nessuna parte. Non si può controllare quante pagine del proprio libro siano state lette. Anche qui, come potete notare, la situazione non è cambiata.

Quale impatto ha Prime Reading sulle vendite di un libro?

Probabilmente un impatto minore di quello che vi aspettate, e ciò è dovuto al fatto che la classifica dei 100 libri più venduti è decisamente sopravvalutata, riferisce Matting.  Aggiunge che i lettori comprano soprattutto seguendo i consigli del “Chi ha acquistato questo articolo ha acquistato anche…”  e che le vendite dipendono dalla lista di popolarità piuttosto che da quella dei bestseller (ecco spiegato come accedervi).

Quello che offre Prime Reading è un temporaneo aiuto per attirare l’attenzione dei lettori. E a questo ci eravamo arrivati anche noi.


Quali sono le vostre esperienze con Prime Reading, da autori e/o lettori? Come vedete il futuro di Prime Reading in Italia?

Raccontatemelo nei commenti!


Fonte: AMAZON-TIPP: WAS SIE ALS AUTOR/IN ÜBER AMAZON PRIME READING WISSEN MÜSSEN

 

Offerte estive 2018

Per il lancio del nuovo servizio di content editing + scheda di valutazione, da oggi fino al 14 agosto 2018, LCS vi offre prezzi davvero speciali.

Per usufruire degli sconti bisogna:

  • essere iscritti alla newsletter di LCS (non sei ancora iscritto? Rimedia subito: mi iscrivo!);
  • prenotare il servizio entro il 14 agosto.

E ora vediamo le offerte:

content editing + scheda di valutazione

I prezzi attuali sono: 2,00 € a cartella per manoscritti fino a 100 cartelle; 1,50 € a cartella per manoscritti fino a 200 cartelle; 1,25 € a cartella per manoscritti fino a 300 cartelle. Oltre le 300 cartelle il prezzo è da concordare in privato.

Con lo sconto:

  • fino a 100 cartelle: 1,00 € a cartella
  • fino a 200 cartelle: 0,90 € a cartella
  • fino a 300 cartelle: 0,80 € a cartella

In cosa consiste il servizio? Lo potete leggere qui: I servizi che offro

Promozione e ufficio stampa

Prezzo attuale del pacchetto di base: 150 €

Con lo sconto: 100 €

In cosa consiste: stesura e invio di un comunicato stampa, corrispondenza con i blogger per eventuali segnalazioni e recensioni. Ha la durata di un mese e comprende una rassegna stampa che verrà consegnata all’autore.

Come richiedere lo sconto?

Basta compilare il form qui sotto:

 

 

 

 

LCS intervista i blogger: Sognando tra le righe

Le vacanze estive si avvicinano sempre di più, ma io e i blogger con cui collaboro siamo più attivi che mai. Ecco, dunque, l’intervista del mese di luglio!

A farmi compagnia c’è Anna Manca, del blog Sognando tra le righe.

Un grazie di cuore ad Anna per aver risposto alle mie domande!

Io: Da dove nasce il nome del tuo blog?

Anna: Il nome del blog nasce così quasi per gioco, la prima domanda che mi sono posta quando ho deciso di aprire un “diario di bordo” è stata: «Cosa mi succede quando leggo?» La risposta è stata illuminante!
Nasce così Sognando tra le Righe.

Continua a leggere LCS intervista i blogger: Sognando tra le righe

LCS intervista i blogger: Feel the book

Le vacanze estive si avvicinano sempre di più, ma io e i blogger con cui collaboro siamo più attivi che mai. Ecco, dunque, l’intervista del mese di giugno!

A farmi compagnia c’è Stella Pagani, del blog Feel the book.

Io: Stella Pagani, ti ringrazio per aver risposto alle mie domande!

Stella: Grazie a te, Lucia, per questa splendida opportunità! 🙂

Da dove nasce il nome del tuo blog?

Feel the book è inteso come “assaporare un libro nelle sue mille sfumature, lasciandosi catturare dal vortice immaginifico ed emotivo che riesce a suscitare”. Quindi, alla base della scelta del nome, ci sono passione e sentimento per tutto ciò che ruota attorno alla lettura.

Continua a leggere LCS intervista i blogger: Feel the book

LCS intervista i blogger: Briciole di parole

Eccomi, anche nel mese di maggio, con la rubrica dedicata interamente ai blogger, che per passione e con molto impegno leggono, recensiscono, fanno segnalazioni, pubblicano interviste e creano eventi ad hoc per parlare di libri e dare visibilità agli autori e agli editori.

Oggi ho il piacere di presentarvi il blog Briciole di Parole, di Rosa Campanile!

Io: Grazie per aver risposto alle mie domande, Rosa!

Rosa: Ciao Lucia, grazie a te per l’ospitalità! Continua a leggere LCS intervista i blogger: Briciole di parole

Facebook: arriva nei gruppi il pulsante “Video party”!

Forse lo avete notato da tempo, io l’ho fatto solo qualche giorno fa mentre stavo per scrivere un post nel gruppo di cui sono amministratrice, È scrivere – Community per scrittori. C’era un “pulsante” in più nel riquadro dei nuovi post: “Incontro per guardare video”.

ADD del 15.07.2018: il pulsante è stato rinominato “Video Party”. 

Ebbene sì, ora è possibile creare un appuntamento nel proprio gruppo, per guardare e commentare tutti insieme un video caricato per l’occasione.

Facebook: tasto "incontro per guardare video",

Ma cosa si può fare di preciso con questo nuovo tasto? Se ci clicchiamo sopra, ecco che appare questa finestra:

Facebook: incontro per guardare video, cos'è. luciacsilver.com

Ho testato brevemente questa nuova funzione, perché ero curiosa e volevo capire meglio come usarla. Quando cliccate su “Ok”, si aprirà una nuova finestra e potrete scegliere se caricare un video o se selezionare uno di quelli già disponibili. Una volta fatto, la visione ha inizio.

Clicca l’immagine per ingrandirla!

Durante la visione si può:

  • vedere chi ci fa compagnia e quindi sta guardando il video insieme a noi
  • scrivere messaggi nella chat dell’incontro per commentare il video in diretta
  • aggiungere reazioni al video

Le tre funzioni sono indicate nell’immagine qui sotto:

Clicca l’immagine per ingrandirla! (E fai finta di non notare la mia chat disattivata :D)

Una volta creato l'”incontro”, gli iscritti al gruppo riceveranno una notifica, con cui vengono invitati a partecipare.

Sarò sincera… questa cosa mi piace un sacco! Sicuramente rappresenta un modo per interagire di più con la propria community e per creare un senso di appartenenza, di unione fra gli iscritti.

Cosa ne pensate? Conoscevate già il tasto “incontro per guardare video”? L’avete già testato? Come vi siete trovati?

 

AGGIORNAMENTO: Il pulsante ora si chiama “Video Party” e ha cambiato colore, come indicato dalla freccia nell’immagine qui sotto.

Clicca sull’immagine per ingrandirla!

 

Nasce il sito ufficiale di LCS – Ufficio Stampa! Anteprime, recensioni, blog tour ed eventi letterari!

Come da titolo, ecco l’annuncio ufficiale (a dire il vero, sui social è già stato fatto nei giorni scorsi): è nato un nuovo sito, collegato a questo, ma dedicato esclusivamente ai miei servizi di ufficio stampa. Lo trovate QUI e spero vi piaccia! Continua a leggere Nasce il sito ufficiale di LCS – Ufficio Stampa! Anteprime, recensioni, blog tour ed eventi letterari!

LCS intervista i blogger: Les fleurs du mal

Continua la rubrica dedicata ai blogger che collaborano con me!

Oggi ho il piacere di presentarvi il blog Les Fleurs du Mal. Grazie ad Alessandra Micheli per aver risposto alle mie domande!

Io: Ciao, Alessandra, il nome del tuo blog rappresenta un forte riferimento a un’opera lirica di Baudelaire, che a suo tempo fu giudicata provocatoria e condannata per oltraggio alla morale. Come mai questa scelta così particolare? Continua a leggere LCS intervista i blogger: Les fleurs du mal